11 orgasmi femminili: l’orgasmo-squirting

Poche ci riescono, molti lo desiderano: sullo squirting si potrebbe scrivere un’enciclopedia. Innanzitutto perché è misterioso. Infatti non si è capito ancora in che cosa consista esattamente, se tutte le donne ne siano anatomicamente capaci e se sia soltanto tutta questione di abilità maschile nel procurarlo. Quanto alle alte sfere del comitato scientifico, tutto tace, la medicina non si esprime. L’unica cosa certa è che la quasi totalità degli uomini ne va pazzo perché vi ravvisa la capacità di averle procurato un orgasmo potentissimo. In realtà una donna può avere un orgasmo molto intenso senza necessariamente eiaculare in maniera così prorompente: questo dipende dall’ampiezza e dall’apertura delle ghiandole parauretrali, o ghiandole di Skene, responsabili della secrezione del liquido eiaculatorio e diverse da donna a donna. L’eiaculazione sarebbe quindi tanto più potente quanto la ghiandola è più aperta e viceversa, al punto che la maggior parte delle donne in realtà eiacula poco o non eiacula affatto. Il fluido secreto può essere di due tipi: o lattiginoso, biancastro e di scarsa quantità, oppure trasparente ed esplosivo, molto simile all’urina perché contenente in effetti un miscuglio di quest’ultima e di liquido parauretrale.

squirting-orgasm2

Ma vediamo come poterlo stimolare, laddove possibile:

  • Inserite il dito indice (o medio) nella vagina e giratelo all’insù, a mo’ di uncino, così da solleticare le pareti vaginali frontali;
  • Massaggiate muovendo il dito avanti e indietro, prima delicatamente e poi con decisione, aggiungendo un secondo dito non appena la vedete più coinvolta;
  • Posate il palmo della mano sul clitoride come a volerlo contenere e muovetelo su e giù, sincronizzandolo con la penetrazione ad opera delle dita;
  • Ascoltate il corpo della partner, velocizzando o rallentando i movimenti a seconda delle sue risposte.

Purtroppo questa non è una ricetta valida sempre e comunque, ma è una buona linea guida per cominciare con le dovute cautele. In alternativa potete aiutarvi anche con le tecniche tantriche, ideali per sublimare il rapporto a due anche dal punto di vista sessuale. Starà a voi, in un secondo momento, articolare i preliminari sulla base di cosa alla partner piace o meno. Se lo squirting non dovesse verificarsi, non pensate di non essere stati abbastanza “bravi” né che la vostra ragazza abbia qualche problema fisico, anzi, potrebbe essere venuta una o più volte ma senza “zampilli”.

Fateci sapere se l’avete mai provato e con quale assiduità, chissà che non diamo un contributo utile alla ricerca scientifica! Venite, ragazze, venite!

Al prossimo…orgasmo!