A scuola con Fallo Felice

Fallo felice

Avete letto bene, il libro che tutte le donne dovrebbero leggere per far felice il proprio partner esiste “Fallo Felice” (come si dice? Quando il titolo è già tutto un programma) di Linda Lou Paget, un manuale leggero, ironico, attento e fortemente descrittivo su tutti i segreti da sapere per rendere la vostra vita sessuale una esperienza unica e consapevole. L’appagamento sessuale non sarà mai più un argomento tabù, ma una unica grande fonte di sorrisi, orgasmi e nuove tecniche da sperimentare insieme. Ciò che oggi ci ha incuriosito di questo libro è la possibilità di allenare la gola con gli esercizi di Kegel durante il sesso orale, riuscendo tra l’altro a dare un piacere immenso al partner. Curiose di saperne di più?

Provvediamo subito.
La tecnica va praticata in un momento ben preciso, ossia quello in cui l’erezione maschile non è ancora stata completamente raggiunta. Potrete così inserirlo in bocca nella sua quasi interezza, dandogli una  appagante e forte sensazione di pienezza.  A questo punto dovrete essere abbastanza rilassate per compiere due movimenti rapidi e successivi: il primo di suzione, il secondo di deglutizione.
Ripetendo più volte questa breve sequenza terrete le pareti della gola sempre allenate e ben tese, oltre a provocare un piacere immediato al vostro partner che risulterà moltiplicato di almeno dieci volte con il pene non ancora allo stato solido.
Ovviamente potrete proseguire con la lingua in una discesa e salita laterale lungo tutta la lunghezza del pene, stimolando poi con un lieve ma deciso solletico, la parte superiore del glande.
Già solo vedervi modellare il suo gioiellino con la lingua lo manderà mentalmente in estasi, il tutto mescolato a stimoli fisici senza pari, già preceduti tra l’altro, dagli esercizi di Kegel, che da soli possono divenire portatori sani di esplosioni orgasmiche senza precedenti.

Arrivate a questo punto dimenticate la semi erezione di partenza: il suo pene avrà una solidità scultorea tutta da scolpire come meglio credete. Curiose di sperimentare?

E allora forza, Fallo felice in mano (ma mi raccomando non solo quello) e tanta tanta pratica!