Come far venire la tua donna: impara a farla godere come si merita

“Come posso far venire una donna e farla godere davvero?”.
Anche se gli uomini sono solitamente molto restii a chiedere consigli su come migliorare le loro prestazioni, più conoscenza in realtà significa solo più successo. Quindi sì, ben venga!
Sapere come far godere una ragazza è fondamentale e pure bellissimo: il piacere sarà suo, ma anche tuo.
Probabilmente già sapete che del sesso orale ben fatto è per una donna quasi sempre molto meglio della penetrazione, così come già saprete che i preliminari nell’80% dei casi sono ritenuti imprescindibili.

Prima di far venire una donna devi sapere come è fatta

Non c’è nessun trucco particolare per far venire una ragazza. Tutto viene dalla conoscenza e dall’esperienza.
Ma conoscere l’anatomia del corpo femminile è necessario.
Le zone più sensibili della vagina sono le grandi labbra, che le si schiudono intorno come i petali di un fiore, e le piccole labbra, in cima alle quali, visibile solo se eccitato, si nasconde come in un piccolo bozzolo il clitoride, l’organo del piacere femminile per eccellenza.
Ed è un tuo grande amico, forse il più grande che avrai nel sesso. Trattalo bene e fagli un sacco di regali.
Il vero godimento viene da qui.

L’orgasmo femminile è la prima soddisfazione maschile

Fare godere una donna è fonte di grande soddisfazione, e non solo per la donna.
Sono moltissimi i sondaggi che rivelano che l’uomo trae una delle più grosse soddisfazioni a livello sessuale proprio dal far eccitare la sua ragazza. È una questione da maschio alfa e non solo: sapere che qualcuno sta provando piacere, molto piacere, per merito tuo rilascia nel cervello sostanze identiche a quelle del tuo stesso orgasmo, come in una sorta di ‘specchio empatico’. A te piacciono i preliminari vero? Sappi che piacciono un sacco anche a lei. Anzi, di più.

Falla venire partendo dai preliminari: a volte bastano quelli

La vagina, se non è eccitata (e non aspettatevi che lo sia al solo guardarvi, salvo casi clamorosi), è asciutta e sensibile, incredibilmente secca e poco accessibile. Vi tocca sfiorarla, accarezzarla e baciarla affinché entri nel mood, rivolgendo la vostra attenzione anche a zone erogene più lontane come collo, orecchie, seno e capezzoli.
Se volete leccarla, prima giratele intorno: inguine, interno coscia e gambe fino al ginocchio, pube e grandi labbra subito dopo. Trattate la vagina come fossero occhi, labbra o capelli. Annusatela, restate in adorazione. Noi siamo molto sensibili rispetto all’odore e al sapore degli umori vaginali, spesso non siamo a nostro agio perché pensiamo siano sporchi, puzzolenti, fastidiosi. Ce ne vergogniamo. Andateci dentro, mostrate (anche fingendo) che vi eccitano. Prima di infilare le dita, possibilmente due, assicuratevi che siano inumidite. E a questo punto dovrebbero esserlo, eccome.

Leccarle la vagina farà di te il suo eroe

Leccate la vagina dal basso verso l’alto, per lungo, ripetendo il gesto diverse volte. Appena vedete che il clitoride si schiude, copritelo delicatamente con le vostre labbra a O e state attenti alle reazioni di lei. Se, aiutandosi con il bacino, ve lo preme contro, allora le piace e non poco.
Se invece si ritrae state sbagliando qualcosa, nel ritmo, nell’intensità, nella tecnica. Un po’ come nella maratona, il segreto non sta nella velocità ma nella continuità: andate ad un ritmo che possa essere sostenuto per diversi minuti, per evitare un collasso polmonare sul più bello e compromettere il climax.

  • Leccate l’inguine, affondate il viso nel suo pube, sfiorate con la punta della lingua la fessura
  • Separate le grandi labbra con la lingua
  • Il clitoride è la fine, non l’inizio. Fate avanti e indietro con la lingua nella vagina finché non lo vedete schiudersi, se invece ancora non è eccitato, continuate sotto finché non sporge.
  • Quando lei vi sembra eccitatissima o che stia per venire, chiudete le labbra a O e prendete in bocca il clitoride.
  • Penetrate con 2 dita con il movimento “vieni qui” mentre con lingua e labbra stimolate il clitoride (una combinazione più eccitante della penetrazione)
  • Ognuna ha i suoi sintomi: chi trema, chi squirta, chi arrossisce, chi si ritrova con i capezzoli durissimi. Imparate a leggerli e comportarvi di conseguenza.
  • Quando la vedete venire, non lasciate perdere il clitoride. In fase di rilascio dopo il primo orgasmo, premete la lingua contro la parte basse del clitoride e con le labbra coprite la punta. Nel frattempo infilate e rimuovete la lingua dalla vagina.
  • Dopo l’orgasmo orale evitate la penetrazione per un po’: la vagina in questo momento è molto sensibile. Accarezzatela e sussurrate cose sexy all’orecchio, dovete darle il tempo di riprendersi ed eccitarsi nuovamente.
  • Ad alcune piacciono le dita nell’ano invece che davanti, provate. Vale anche la combo fronte/retro.

 

Anche se come detto molto deriva dall’esperienza, dai tentativi e dal contesto, questo articolo dovrebbe aiutarti a far raggiungere un piacere inebriante alla tua ragazza e farla venire. E se ti chiederà “Tesoro, ma questo dove l’hai imparato?“, dille che hai studiato: sarai il suo piccolo secchione dell’orgasmo. E l’uomo colto ha sempre il suo fascino.

2019-11-14 MySecretCasehttps://skin.mysecretcase.com/frontend/default/vigoshop/images/mysecretcase-shop-online-piacere-donne.svg https://www.mysecretcase.com/blog/wp-content/uploads/2016/09/come-leccare-la-vagina-2.jpg