Eiaculazione femminile: non solo squirting

Under Squirting

In origine fu il porno. E il porno portò alla ribalta un fenomeno che prima di allora era stato bollato come “incontinenza coitale”, vissuto con stupore e forse con un po’ di vergogna dalle donne a cui capitava, e gli diede un nuovo nome: squirting. E, da lì, il putiferio. “Squirting”, “video eiaculazione femminile” e “porno eiaculazione femminile” sono le chiavi di ricerca più cliccate nei siti hard, e dallo stupore e vergogna noi donne siamo passate a provare un sottile senso di inadeguatezza se non manifestiamo al nostro partner un orgasmo con eiaculazione abbondante e spumeggiante. A infierire, oltre all’immagine della bionda pornostar che inonda di piacere il set, ci si mette anche la grande confusione sulle origini dello squirt: è pipi? Tutte possiamo squirtare? Eiaculazione femminile e squirting sono la stessa cosa?

ORGASMO FEMMINILE CON EIACULAZIONE: IL PARERE DELLA SCIENZA

Non potendo ritenere l’immaginario porno una fonte attendibile, per anni abbiamo sperato che la scienza ci illuminasse riguardo a squirting ed eiaculazione femminile. Per anni, però, molti studiosi hanno continuato a ritenere che urina e squirting fossero la stessa cosa. A chiarire il tutto ha provato lo studio pubblicato nel dicembre 2014 dal ginecologo francese Samuel Salama (nomen omen) e dal suo gruppo di ricerca che non solo ha indagato l’origine del misterioso liquido, ma ha anche stabilito la differenza tra eiaculazione femminile e squirting. Lo studio ha osservato 7 donne in grado di produrre una grande quantità di “fluido di Venere” sottoponendole a esami delle urine e a ecografie prima, durante e dopo l’esplosivo orgasmo. Il risultato? In 5 casi su 7 Salama & co. hanno trovato la presenza di PSA sia nel fluido dello squirting sia nell’urina post orgasmo. Il PSA è l’antigene prostatico specifico, tipicamente prodotto dalla prostata maschile, dimostrazione della peculiarità dello zampillio: non urina, ma un fluido speciale. Lo squirting, appunto.

squirting

SQUIRTING ED EIACULAZIONE FEMMINILE: DUE FLUIDI DIVERSI

Tutto qui? Non esattamente. Lo studio francese ha definito sì l’essenza dello squirting, ma ha anche confermato l’ipotesi formulata già negli anni ’80 dalla sessuologa Beverly Whipple della Rutges University of Newark: l’eiaculazione femminile esiste ed è diversa dallo squirting. La differenza più evidente sta nelle quantità: rispetto all’effetto “geiser” dello squirting, l’eiaculazione femminile è più moderata. Niente a che vedere con i 100-150 ml dello squirting, e men che meno con le fontane danzanti dei porno. L’eiaculazione femminile consiste in un fluido lattiginoso e alcalino con maggior concentrazione di PSA, il marker prostatico di cui parlavamo prima, prodotto dalle ghiandole di Skene. Ghiandole di Skene che in alcune donne sarebbero più accentuate di altre: ecco la maggiore o minore “capacità” di accompagnare l’orgasmo con eiaculazione femminile o squirting.

I SEX TOYS IDEALI PER LO SQUIRTING E L’EIACULAZIONE FEMMINILE

Adesso che abbiamo scoperto la differenza tra squirting ed eiaculazione femminile, vediamo come raggiungere la tanto agognata e liquida meta. Tutte le donne eiaculano? Probabile, con una stimolazione mirata del punto G o del clitoride, le due facce del piacere femminile. Tutte le donne squirtano? Possibile… per scoprirlo non resta che lanciarsi nelle sperimentazioni in compagnia del partner o di sex toys, pensati apposta per stimolare clitoride e punto G. I nuovi e imperdibili? Sicuramente Sqweel, il celebre vibratore clitoride con linguette che riproduce il cunnilingus, potenziato del 30% rispetto al passato. E se invece preferite avvicinarvi al cuore del piacere dall’interno, non potete non provare un vibratore rabbit. Il nostro consiglio? Opal di Jopen, il vibratore rabbit in vetro, per giocare con la temperatura e rinfrescare o riscaldare il vostro punto G!