KinkBNB: l’AirBnB a luci rosse sbarca in Italia

Under Bondage e Fetish, News

Avete tanta voglia di andare in vacanza, ma vi piange il cuore all’idea di allontanarvi dalla vostra collezione di manette e frustini? Avete allestito nel vostro seminterrato una stanza delle torture che farebbe sentire un pivello Christian Grey di 50 Sfumature di grigio, ma vorreste trovare il modo di rifarvi dell’investimento? La soluzione c’è e si chiama KinkBNB. Versione hot e kinky del più noto AirBNB, KinkBNB è nato lo scorso anno dall’intuizione di un ex insegnante staunitense, che ha pensato di creare un punto d’incontro per i viaggiatori in cerca di qualcosa di “diverso” e di affittacamere, diciamo, open minded. 

Tra le features degli appartamenti di KinkBNB, l’airBNB a luci rosse, non aspettatevi di trovare asciugacapelli o parcheggio privato. Non solo, almeno. Le amenities che potreste trovare includono nudist household, swinger friendly, orgy friendly e persino toys available. Insomma, nessuno vi guarderà storto se vi presenterete in quattro per una sola stanza, o se siete donzelle accompagnate da ben due cavalieri.

kink bnb

KinkBNB è nato in America, e proprio negli Stati Uniti si trova la concentrazione maggiore di proposte, che vanno dall’attico con vista sulla Grande Mela e attrezzatura bondage al castello con stanza delle torture dal sapore medievale. Ma negli ultimi mesi si stanno moltiplicando le offerte anche in Europa, e persino in Italia. Gli affittacamere italiani, però, per il momento sembrano un po’ timidi, e tra la decina di properties, spalmate da Milano a Reggio Calabria, solo un paio si dichiarano apertamente kinky-friendly e offrono sex furniture e sex toys e lubrificanti nel pacchetto vacanze. A parte un paio di proposte originali e ardite, chi cerca qualcosa di più di una banale vasca con idromassaggio o di ordinarie lenzuola color porpora deve varcare i confini nazionali. E andare, per esempio, a Lipsia, per un gioco di ruolo in stile guardie e ladri sexy all’interno della cella di una prigione!