La più proibita delle fantasie

Era stata una mia idea. Mi ero presentata da lui, con indosso solo un vestitino leggero ed un sorriso imbarazzato. Non era abituato a vedermi arrossire, considerando che avevo la reputazione di essere una donna forte ed intraprendente. D’altra parte, io non ero abituata a proporre giochini erotici o a chiedere niente a nessuno, soprattutto a letto. Eppure, con lui, io ero un’altra persona. Era come se parlasse o toccasse su altre frequenze. Così, senza dirgli nulla, gli posai nelle mani grandi il piccolo telecomando ovale. Tommaso lo osservò per qualche istante, poi capì e cominciò a ridere eccitato. -Dove andiamo?- mi chiese soltanto. Sfoderai uno di quei mezzi sorrisi da bambina maliziosa che sapevo lo facessero impazzire. –Dove non si potrebbe neanche sussurrare. Fu così che lo presi per mano e lo condussi in biblioteca.

Ci sedemmo uno di fronte all’altra, ad un tavolo con altre quattro persone. Ero nervosa e lui decise di volermi far attendere, ancora e ancora. Voleva che fossi rilassata, prendermi di sorpresa. E fu così. La prima vibrazione, nonostante fosse la più bassa, mi fece quasi sobbalzare sulla sedia fredda. Gli studenti accanto a me mi guardarono torvi, per poi reindirizzare la loro attenzione ai grossi libri. Io mi morsi le labbra per cercare di non fiatare. Eppure non bastò.

Vibratore Wireless by Lovense

Lush Bullet Vibrator

Lush Bullet Vibrator di Lovense è l'ovetto vibrante da indossare in vagina e da far vibrare attraverso l'app dedicata. Perfetto in solitaria, è il top in coppia: lui può controllare il piacere di lei attraverso il suo smartphone, sia che si trovi a pochi centimetri di distanza sia che si trovi dall'altra parte del mondo. Ah, che meraviglia la tecnologia!

Scopri di più!

Non appena incrociai i suoi occhi scuri sentii le pulsazioni tra le mie cosce aumentare esponenzialmente. E fu quello sguardo a fargli prendere la decisione di aumentare l’intensità di quelle dannatissime e deliziose vibrazioni. Dovetti stringere fortissimo le cosce, reazione al bagnarsi delle mie mutandine. Questo però non fece altro che indirizzare il vibratore verso il fatidico punto G.

Mi piegai, forse troppo violentemente, sui libri, coprendomi il viso con una mano, mentre con l’altra stringevo convulsamente il bordo del tavolo. Poi lui si alzò per venirsi ad inginocchiare accanto a me, per scrutare più da vicino l’espressione di dolce sofferenza che indossavo. Finse di chiedermi qualcosa sul libro di chimica che stavo fingendo di studiare, ma non appena fui sul punto di parlare, per dimostrargli che potevo gestire il piacere che mi infliggeva, Tommaso alzò le vibrazioni al massimo, mentre con la mano sinistra mi solleticava le caviglie scoperte. Possedeva la mappa di tutte le mie zone erogene.

Stavo letteralmente morendo. Avevo bisogno di urlare, di venire, di aggrapparmi alle sue spalle e di mordergli i lobi delle orecchie. Ma non si poteva. Era così difficile ricordarsi che ci fossero altri intorno a noi. Quando si rese conto che stavo per gridare, perché ero davvero al limite, si decise ad abbassare leggermente le vibrazioni, solo per riuscire a farmi alzare. -Andiamo a cercare quel libro- mentì lui, cingendomi la vita con un braccio. E per fortuna che c’era quel braccio forte, altrimenti mi sarei potuta benissimo accasciare al suolo.

Tommaso fu veloce. Mi spinse contro uno scaffale nascosto, lontano questa volta da occhi indiscreti. Rimandò l’intensità al massimo e spinse il suo corpo contro il mio. Si strofinò su di me, facendomi avvertire la prepotenza della sua erezione. Io mi aggrappai al suo collo, incurante del mio sudore e del suo, per poi scendere con le mani ad afferrare il suo sedere sodo, dono della sua squadra di pallavolo, oltre che di Madre Natura. Bastarono pochi secondi a quel punto. Tra il vibratore nella mia vagina, le sue mani sulle mie cosce, la sua bocca carnosa e succulenta sui miei seni ed il suo pene gonfio che strofinava il mio clitoride, venni. E fu forte e pulsante e mistico e bagnato.

Quell’orgasmo ebbe il sapore della più proibita delle fantasie.

2019-05-14 MySecretCasehttps://skin.mysecretcase.com/frontend/default/vigoshop/images/mysecretcase-shop-online-piacere-donne.svg https://www.mysecretcase.com/blog/wp-content/uploads/2019/05/proibita-evidenza.jpg