La serata in ufficio

L’ufficio è semideserto, la gente stava andando via per il classico aperitivo di Roma Nord, con tanta voglia di uscire dal lavoro visto che il week end era alle porte. E si sa, il week end di primavera a Roma rende tutto allegro e, come si usa dire, “friccicarello”. Io invece, semplice stagista del Sud, partita dalla mia terra con una valigia di speranze e una laurea sudata di cui nel mio piccolo paese della bassa Lucania ancora parlano, sono rimasta in ufficio con il mio capo per dimostrare la mia caparbietà e raggiungere quella agognata lettera di assunzione. In realtà c’è anche un altro motivo che mi ha spinta a rimanere, molto meno legato al lavoro e più legato a rimanere sola con il mio capo.

Nel tardo pomeriggio lo sento parlare al telefono, dice a qualcuno di rinunciare alla classica partita di paddle nel lussuoso circolo di cui è socio per portare a conclusione la scadenza del lunedì dopo. E così che rimaniamo soli in ufficio, e più tardi nella serata ci spostiamo nell’ingresso facendo due chiacchiere davanti ad una pizza da asporto. Non nascondo che il mio capo, nonostante abbia superato chiaramente i 50 anni, ha ancora molto fascino. Da quando ho iniziato il mio stage nell’azienda l’ho ammirato e desiderato in segreto, senza sperare che il mio interesse si concretizzasse in qualcosa.

Vibratore Clitoride by Dorcel

Magic Finger

Stimola il clitoride intensamente e con precisione con un vibratore che si indossa sul dito e permette di aumentare il piacere sia quando si è da soli che durante il rapporto. Una punta sfiziosa in silicone e una vibrazione intensa perfette per stimolare non solo il clitoride, ma anche capezzoli, perineo, ano...

Scopri di più!

Eppure quel manager di successo mi ammalia e l’essere rimasta sola con lui mi esalta, al punto che lo lascio fare quando vedo che inizia ad avvicinarsi sempre di più, fino ad osare una carezza sul mio viso. Basta poco e succede quello che da tempo sognavo, mi bacia sulle labbra prima con delicatezza e poi sempre con più passione mentre io ricambio più che volentieri. Si stacca me e mi spoglia piano piano, accompagnando le carezze delle sue mani a dei baci che mi inumidiscono la pelle. Mi accarezza le cosce e mi solleva la gonna, lasciandomi nell’intimo di pizzo che avevo indossato quella mattina per sentirmi sexy.

Qui colgo la palla al balzo e mi decido a osare tirando fuori dalla mia borsetta ciò a cui tengo più di tutto, un bellissimo vibratore portatile. Non nascondo che era una vita che fantasticavo con lui nelle mie serate solitarie, dandomi piacere da sola e immaginandomi sdraiata sulla scrivania del mio manager mentre mi masturbo con il mio vibratore. Ed è proprio così che va la serata, con lui che mi prende in braccio e mi porta nel suo bell’ufficio.

Mi appoggia a sedere sulla scrivania e dopo aver scostato le mutandine ormai fradice entra dentro di me. È esattamente come me lo immaginavo, bellissimo e intenso, il suo pene mi penetra profondamente mentre io gemo nella sua bocca senza smettere di baciarlo. Sento il mio capo che gode con me, dentro e fuori sempre con più foga, mentre io mi aggrappo a lui e con la mano libera mi appoggio il vibratore sul clitoride. Lo sento venire, sporcandomi di liquido caldo, e i suoi respiri affannosi uniti alla vibrazione sul mio clitoride sono la goccia che fa traboccare il vaso del mio piacere. Vengo anche io, così forte che sento le gambe tremare e a fatica trattengo un grido.

“Come ti senti?” mi chiede lui riallacciandosi i pantaloni eleganti, forse per assicurarsi che anche a me sia piaciuto. In quel momento mi mancano le parole, non riesco a pensare ad altro che al modo potente in cui sono appena venuta ancora semi sdraiata sulla sua scrivania. L’ho fatto veramente, riesco a pensare nel torpore del piacere, sono riuscita a realizzare la mia fantasia. Sembrava finita lì, una vocina dentro di me mi aveva detto che dopo la nostra sveltina non mi avrebbe più dato alcuna attenzione. Invece si avvicina e mi da un bacio sul collo, mentre con un sorriso mi propone di uscire e di andare a farci un aperitivo a Ponte Milvio.

 

Malema

2019-06-05 MySecretCasehttps://skin.mysecretcase.com/frontend/default/vigoshop/images/mysecretcase-shop-online-piacere-donne.svg https://www.mysecretcase.com/blog/wp-content/uploads/2019/06/la-serata-in-ufficio-evidenza.jpg