Masturbazione sotto la doccia: i consigli per lei

Dai, a noi potete dirlo. Vi masturbate almeno due volte la settimana, vero? Magari a notte fonda, durante un sogno erotico, o alla penombra della sera, appena siete sole con voi stesse. Anche la mattina non è male, sempre che non abbiate fretta. Beh, anche noi. Che forse, ogni tanto, assomigliamo a questi nostri maschi tanto vituperati più di quanto pensiamo: noi come loro, infatti, amiamo farlo sotto la doccia o a gambe aperte, immerse nella vasca. Vedere Sally Hawkins in “The Shape of Water” per credere (o meglio ancora il cortometraggio “Pussy”, tutto dedicato ad una vagina che si stacca dalla padroncina e prende vita propria). Il riconoscimento del getto d’acqua come sex toy ante litteram parte da quando siamo bambine e scopriamo l’insostenibile piacevolezza di quella cosa chiamata bidet, la nostra prima vera forma di masturbazione, prima ancora, forse, dello spigolo del banco in formica della elementari. Anche se la masturbazione sotto la doccia è cosa nota, c’è sempre qualcosa da imparare, tipo che adesso esistono dei sex toys apposta. Ma partiamo dall’inizio.

masturbazione-sotto-la-doccia-testo

  1. Leggi un racconto erotico e improvvisa un gioco di ruolo

    Sei sola, è finalmente il tuo momento. Se non sei già eccitata di tuo o la solita fantasia non funziona, lasciati ispirare dalle prime righe di un racconto erotico da proseguire a modo tuo oppure comincia a spogliarti lentamente, sfiorando la tua pelle e poi i capezzoli, provando a vederti da fuori, come se fossi solo un corpo, un bellissimo corpo. Immagina che uno sconosciuto ti desideri e non riesca a resisterti un minuto di più: entra in doccia ancora con la maglietta bianca o con la camicia sbottonata e toglitele solo quando avrai cominciato a toccarti. Aiuta la fantasia a prendere forma.

  2. Masturbati con il getto d’acqua e cambia la temperatura

    Fare caldo-freddo/freddo-caldo riattiva la circolazione e aiuta a far confluire tutto il sangue sul clitoride. Risultato? Si eccita prima e meglio. Cambia la temperatura dell’acqua da caldo-tiepida a tiepida-fresca, senza sbalzi troppo bruschi che possano provocare uno shock, e fai movimenti circolari e su e giù con le dita mentre l’acqua continua a scorrere su di te. Cerca di tenere fermo il soffione tra le gambe o poggiato a terra, non ti distrarre.

  3. Fai del soffione il tuo vibratore

    Inizia a toccarti come fai sempre e nel frattempo fai scorrere l’acqua sulla tua pelle. Ora prendi in mano il soffione della doccia, tienilo sotto il pube e giralo verso l’alto. Non appena gli schizzi d’acqua avranno risvegliato il tuo clitoride e bagnato tutta la vulva, premi il soffione contro il clitoride e fai scorrere il tubo tra le piccole e grandi labbra come fosse un filare di perle. Se non è ampio e largo ma lungo e sottile, abbassa il getto e infilalo in vagina per completare l’opera.

  4. Scegli sex toys impermeabili

    Se staccare il soffione e tenerlo fermo mentre ti tocchi non è pratico, lascialo in alto e ricorri a sex toys specificatamente pensati per essere immersi o schizzati. Ormai quasi tutti i vibratori per donna dei migliori brand sono waterproof proprio per questo. I nostri preferiti? Quelli che si confondono con gli altri elementi e restano (quasi) inosservati, ad esempio tutta la linea di Iroha by Tenga ed in particolare Kushi, la conchiglia di mare che sembra una saponetta. Sembra.

    vibratori clitoride by Iroha by Tenga

    Kushi Iroha by Tenga

    Kushi di Iroha by Tenga è un vibratore clitorideo impermeabile da tenere a bordo vasca senza destare sospetti. A forma di conchiglia marina, sta nel palmo di una mano e il suo materiale è ineguagliabile: un silicone vellutato e morbidissimo irresistibile al tocco. Potente e ultra-tecnologico con le sue 10 funzioni di vibrazione, si insinua tra le labbra e il clitoride come nessun altro. Perfetto durante la masturbazione sott'acqua.

    Scopri di più!
  5. Attacca un dildo con ventosa al box doccia

    Perché non toccarti, stimolarti o penetrarti con il soffione mentre “qualcuno” ti prende da dietro? A occhi chiusi, sarà inevitabile sentire la presenza più che mai palpabile dello sconosciuto. Tu chiamalo, se vuoi, dildo con ventosa. Attaccalo alla parete posteriore e mettiti a pecorina mentre tu continui a toccarti il clitoride: la scelta tra la penetrazione anale o classica è tutta tua. E poi, si sa, da cosa nasce cosa. Perché accontentarsi di un orgasmo soltanto?

2018-03-20 MySecretCasehttps://skin.mysecretcase.com/frontend/default/vigoshop/images/mysecretcase-shop-online-piacere-donne.svg https://www.mysecretcase.com/blog/wp-content/uploads/2018/03/masturbazione-sotto-la-doccia-evidenza-1.jpg