Mia moglie nuda sulla spiaggia

Le avevo detto che ci sarebbe potuta rimanere sotto, ma lei niente, non mi ha dato retta. C’ha preso gusto, la troietta, le piacciono tutti, quei 24 centimetri di “cazzo giovane”, come lo chiama lei. All’inizio non mi andava giù, ma la vedo così eccitata che di riflesso sto bene anch’io. Si vedono, lei filma e mi manda tutto per “rendermi partecipe”. Mi viene durissimo, ma non l’ho mai vista godere così tanto neanche con me.

L’ultima volta, sabato, si sono dati appuntamento sulla spiaggia. Lui le dice che ha una sorpresa per lei e il mio cuore schizza fuori dal petto: poteva voler dire tutto.

Mi arriva un video due ore dopo: “Ciao, siamo sulla spiaggia”. Era lui. Grazie per l’informazione, non lo avevo capito. “Sto facendo provare a tua moglie dei bikini XXS, voglio che li indossi e faccia arrapare tutti. Ha delle tette pazzesche”. Gira la camera e me la fa vedere, lì, dietro al suo camion, tutta strizzata in un costumino praticamente inesistente con quelle sue bocce enormi. La sua piccola fica è pure meglio. Dietro non ha niente, il perizoma si perde completamente tra quelle rotondità. Dal tessuto lasco, semi-trasparente, dei triangoli, si vedono chiaramente le aureole caffè-latte. “Fatti vedere, Laura, vai in giro”. Lui continua a riprenderla, lei sculetta come mai prima, sembra in calore, i bavosi tutt’attorno si voltano e la fissano dai loro occhiali scuri. Mi sembra di vederli, i loro cazzi duri nel costume.

Lei si fa schizzare dalle onde, gioca con il suo corpo, l’acqua tutt’addosso, il triangolo delle mutandine sempre più trasparente, si vede lontano un miglio che è rasata. Vorrei scoparla subito, lì, ora. Invece c’è quello che riprende, che la segue ovunque. La camera si spegne, cazzo, esco pazzo.

Lui la riaccende dopo una decina minuti, stanno scopando sulla sabbia, dietro al suo camion. Ha ancora indosso il costume, la puttana. Le sposta le mutandine con la mano e glielo infila tutto senza neanche toccarla un po’. Entra tutto fino in fondo, per quanto è bagnata. Mentre affonda le succhia un capezzolo e lei geme, incurante del fatto che sia giorno, con tutta quella gente là fuori. Lui è in piedi, lei con le gambe incrociate dietro di lui, poi la stende con violenza, sono pieni di sabbia. La gira, sputa nella mano destra tutta la saliva che può e le infila le dita dietro. Lei urla,  poi gli prende la mano e la affonda, avvicinando il bacino. Vuol essere trapassata. Lui la prende da dietro e le strizza le tette con tutta la forza che ha. Sono enormi, enormi, escono da tutte le parti, sbattono avanti e indietro ad ogni spinta. Urla, la maledetta. E io mi tocco, freneticamente, su e giù, su e giù. Dio quanto godo.

Sono tutti acqua, urla e sabbia, con una mano lui inquadra il culo di mia moglie, alto, sodo, pieno, con quella fessura in verticale che sembra non finire mai. Urlo: “Vieni qui, puttana”. Poi tutto nero. È venuto a telecamere spente, il bastardo.

Gioiabella

moglie-sulla-spiaggia-testo

2018-04-23 MySecretCasehttps://skin.mysecretcase.com/frontend/default/vigoshop/images/mysecretcase-shop-online-piacere-donne.svg https://www.mysecretcase.com/blog/wp-content/uploads/2018/04/moglie-sulla-spiaggia-evidenza.jpg