Cosa succede se introduci il pegging nella tua vita di coppia

Coniato nel 2001 da Dan Savage nel 2001 nella sua ormai famosissima rubrica “Savage Love”, il pegging – la penetrazione anale dell’uomo attraverso l’uso di dildo o vibratori strap-on indossati dalla partner – è ormai tutt’altro che prerogativa esclusiva del mondo gay: lo scambio dei ruoli rappresenta il 25% di tutte le attività sessuali e l’Italia è addirittura settima nella lista mondiale delle nazioni che amano questa pratica.

E per chi teme che l’uomo, a furia di praticarlo, sia o diventi gay, l’educatore sessuale Tristan Taormino di Cosmpolitan.com assicura: “Il pegging può essere svolto anche per tutta la vita senza per questo compromettere l’orientamento sessuale dell’amante passivo”. Insomma, provare piacere nel “prenderla in quel posto” non significa necessariamente essere o diventare omosessuale. Certo è che il pegging rimane una pratica controversa a cui non è facile abbandonarsi visto l’implicito ribaltamento dei ruoli classici e di molti stereotipi di genere che vedono e continueranno a vedere la donna come l’elemento “debole” della coppia.

Peccato, perché è divertentissimo: lei può finalmente assumere un potere di cui solitamente la società la priva e lui può sperimentare le gioie del piacere maschile quello vero, l’orgasmo anale prostatico. Ovviamente è da fare una tantum, quando si ha tempo e si è in vena di qualcosa di diverso, ma basterebbe questo per movimentare la vita di coppia. Invidia del pene a parte (Freud docet), moltissime donne, nei loro sogni bagnati, immaginano di penetrare e di fare avanti e indietro col bacino. Eppure basta uno strap on e il gioco è fatto!

pegging nella vita di coppia

COME FARE PEGGING PER LA PRIMA VOLTA

Quando si fa pegging, si attacca il dildo al pube tramite un’harness o imbracatura da indossare come fosse un paio di mutandine. Possono essere a uno o due cinturini e le prime consentono una maggiore aderenza al clitoride per una penetrazione attiva che stimoli anche lei. Di solito le harness hanno un anello dal diametro standard a cui agganciare tutti i dildo in silicone con base larga, ma ne esistono anche alcune con un set di anelli per una vestibilità il più personalizzata possibile. Dividetevi i compiti: voi scegliete l’imbracatura e lui il dildo, purché sia anale o strap on, di quelli a base larga da incastrare appunto nell’anello dell’harness. A letto non affrettatevi! È una pratica che vive di pazienza e della giusta dose di comfort; vivetela piuttosto come un gioco che richiede la complicità di entrambi. Se lui vi sembra teso, cominciate dalla penetrazione classica, anzi dal missionario, per assicurargli di essere virile e per cominciare a stimolarlo manualmente con un plug anale mentre è sopra di voi.

La posizione migliore per cominciare è la doggy stile che vi permette di penetrarlo da dietro e nel frattempo di stimolarlo e farlo rilassare masturbando il suo pene con le mani. Prima della penetrazione ricordatevi di lubrificare il sex toy con abbondante gel a base d’acqua – l’unico compatibile con gli anal toys in silicone – e divertitevi a cercare il suo p-spot.

ANAL DILDO: LE ULTIME NOVITA’

Indecisissime tra quali dildo per il pegging scegliere? Voilà!
Fra i dildo strapless, da inserire in vagina senza harness:

  • Share di Fun Factory, un classico intramontabile
  • Bend Over Boyfriend di ToyJoy, trasparente e realistico
  • Realdoe Feeldoe di Tantus, all’occorrenza anche vibrante

Fra i dildo strap on:

  • The Boss Stub, con ventosa per staccarlo e continuare altri giochi
  • Dillio Perfect Fit, con harness e design a palline per una penetrazione super-stimolante
  • Silicone Pleasure di EasyToys, mix di realismo e design raffinato, anche lui con ventosa.

Bene, ora non resta che convincere il vostro maschio italico al grande salto, piano e piano 

2018-07-23 MySecretCasehttps://skin.mysecretcase.com/frontend/default/vigoshop/images/mysecretcase-shop-online-piacere-donne.svg https://www.mysecretcase.com/blog/wp-content/uploads/2017/05/introdurre-il-pegging.jpg