Sesso in ufficio: il party di Natale secondo LELO

Under Natale

Brindisi annoiati e sbadigli mentre l’amministratore delegato propone il suo interminabile discorso di fine anno? Niente di tutto ciò. Se volete sapere cosa succede davvero durante i party di Natale in azienda, date un’occhiata a cosa ha scoperto il brand dei sex toys di lusso LELO. Una ricerca condotta a livello globale in 22 paesi da LELO ha fatto emergere un po’ di curiosità sulle abitudini sessuali degli intervistati. In ufficio. A Natale.

SESSO IN UFFICIO? SI, MA A NATALE 

Che la scappatella con il collega sia pratica diffusa e il sesso in ufficio una fantasia erotica ricorrente lo sapevamo già (e lo conferma il 52% del campione, che ha avuto una love story con un collega). Ma avreste mai detto che lo scenario ideale per un incontro hot in tailleur e ventiquattro ore potesse essere il party aziendale di Natale? Il 40% degli intervistati da Lelo ha dichiarato di aver fatto sesso durante la festa di Natale almeno una volta. E l’83% di loro lo rifarebbe al volo. Ad abbassare i freni inibitori saranno i computer spenti, saranno le cravatte allentate; sarà, più probabilmente, l’alcol che scorre a fiumi. Causa scatenante, nel 78%, degli incontri erotici in ufficio.

sesso in ufficio

CHI FA SESSO IN UFFICIO? L’IDENTIKIT

Maschio, americano, trentenne, vergine (ma solo come segno zodiacale): questo, secondo Lelo, il profilo del perfetto seduttore da party aziendale. I nati sotto il segno della Vergine, infatti, sarebbero i più propensi a fare straordinari in ufficio ma non per lavorare (12,5%). Stakanovisti sul lavoro e nell’amore, invece, gli Ariete: solo il 5% di loro si lascia andare al richiamo sexy della scrivania. E anche la categoria professionale sembrerebbe influire sull’inclinazione al sesso sul luogo di lavoro: il 20% degli addetti alle vendite ha dichiarato di aver partecipato a incontri proibiti in ufficio, seguiti dal 12% di medici e infermieri (l’intramontabile sogno erotico dell’infermiera sexy è più che fondato) e dal 9% dei lavoratori nel trasporto e nella logistica.

VIA LIBERA AL SESSO IN UFFICIO, MA OCCHIO ALLE CONSEGUENZE

Sarà anche vero che quando ci si presenta al party aziendale di Natale l’ultima cosa che si pensa di infilare in borsetta è un preservativo. Ma il fatto che 2/3 degli intervistati abbia dichiarato di non aver utilizzato il preservativo ci sembra un dato piuttosto allarmante. Significa che due persone su tre non si preoccupano davvero di preservare la loro salute e quella della persona con cui stanno facendo sesso. Alla prossima festa aziendale, quindi, ricordatevi di portare con voi un condom, che non si sa mai. Così il giorno seguente proverete solo un leggero imbarazzo al vostro ingresso in ufficio (come, del resto, il 20% del campione intervistato da Lelo), ma non sarete assaliti dall’orrendo timore di aver concepito con il responsabile delle risorse umane o, peggio ancora, di aver contratto una malattia sessualmente trasmissibile.